Messaggi dall’industria musicale

Messaggi dall’industria musicale

Con la sua magica avvolgenza la musica può accompagnare qualsiasi evento, dare quel tocco di colore in più alla quotidianità, alle nostre azioni, alle nostre passioni e perfino modificare uno stato emotivo. Si imprime nella memoria, ci infonde coraggio, ci rispecchia, ci coccola e può farci letteralmente immergere in uno stato di sospensione. Alcune persone ne sono così attratte da non poter nemmeno immaginare un mondo senza di essa. Ma svelare come la musica riesca a produrre un simile effetto sulle emozioni e sull’energia personale non è scopo di questo post. L’intenzione è invece quella di fare chiarezza, viste le peculiarità di questa straordinaria forma di espressione e comunicazione, sul modo in cui viene utilizzata da chi ne ha preso il controllo e ha deciso di farne un vile mezzo di manipolazione mentale.

BREVE EXCURSUS

Quando la percezione di qualcosa impegna più sensi, il coinvolgimento è ovviamente maggiore e, pertanto, con l’evolversi della tecnologia e delle necessità di un pubblico sempre più attaccato al televisore, dagli anni ’80 i brani musicali iniziarono a diffondersi tramite videoclip promozionali. Come auspicato dalle varie etichette, il connubio tra audio e video divenne presto popolare, portò ad un maggiore coinvolgimento dei fans e a un conseguente aumento delle vendite, ma permise anche alle informazioni parassite dei messaggi subliminali, già abbondantemente usati dagli anni ’50 nel mondo del cinema e della pubblicità, di estendere ulteriormente il loro potere persuasivo. In passato la musica era apprezzata soprattutto per le qualità immediate.

sala-cinema

Quando non era celebrativa o sacra, aveva il solo proposito di fare bene all’anima. Ha origini talmente antiche che potremo quasi paragonarla ad un “essere” che si è evoluto parallelamente all’uomo. Il trascorrere del tempo e il susseguirsi dei vari movimenti culturali hanno poi contribuito, a volte arricchendola, altre contaminandola, a integrarla in ogni ceto, diffondendo gradualmente nel mondo civilizzato i vari generi nati in risposta ai mutamenti sociali, all’etnia o al mero desiderio di sperimentazione degli stessi musicisti. Oggi, nella caotica atmosfera creata da un sistema consumistico allo sbando, la musica, utilizzata ufficialmente come fonte di intrattenimento e speculazione, ha assunto compiti e obiettivi differenti. La sua funzione si è modificata assieme ai bisogni di una moltitudine crescente di individui indotti disonestamente ad essere continuamente affamati di emozioni effimere, cullati da un falso sé che proietta l’attenzione verso l’esterno.

FUTURI SESSUOMANI

Poichè il sesso è tra le armi più potenti ai fini del “controllo mentale”, i messaggi subliminali diretti ai bambini sono nella maggioranza dei casi di natura sessuale; un “indottrinamento propedeutico” che garantirà ai nostri controllori molti successi in futuro, non solo commerciali. Gli esempi sono a migliaia, eccone alcuni tra i più noti ritrovati in diversi classici:

B_e_B_2

Bianca e Bernie

bianca_bernie_zoom

particolare ingrandito

siren1

La sirenetta

sebastian

La sirenetta

vescovo2

La sirenetta

disney-subliminal-message-lion-king-sex-11

Il re leone

leone5

particolare evidenziato

topomas5

Walt Disney era un massone

senzatitolo1th2

Madagascar

IA3D-044

L’era glaciale

jessica_rabbit

Chi ha incastrato Roger Rabbit

CHI CONTROLLA LA MUSICA

illuminatiIn quanto “macchina” da soldi e strumento di potere (come Hollywood, i media mainstream, la letteratura new age, ecc.), l’industria musicale è ovviamente influenzata dall’ormai arcinota Elite tentacolare: gli Illuminati. Tale associazione di potenti satanisti, in pieno delirio di onnipotenza, si arroga il diritto di proprietà del pianeta e tenta in tutti i modi di portare a termine il processo di “riprogrammazione” necessario alla realizzazione dei loro oscuri scopi tra i quali si ricordano la centralizzazione del potere, una popolazione di robot ubbidienti e inconsapevoli, l’annientamento delle religioni e della libertà di pensiero. Nonostante abbia indubbiamente prodotto nel tempo artisti degni di nota e veri capolavori, l’industria della musica, oggi, si è prevalentemente trasformata in una fabbrica di fantocci prodotti e plasmati da consulenti  di immagine e comunicazione in base a delle presunte “esigenze di mercato”. Infatti, ciò che riteniamo siano tendenze nate in modo indipendente, si rivelano il più delle volte come artificiose montature che ci vengono propinate per alimentare il complesso motore del “controllo mentale” (si ricorda il programma MK Ultra e il suo ramo non ufficiale chiamato Project Monarch).

CHI DIFFONDE I MESSAGGI

All’inseguimento di fama e ricchezza, alcune giovani promesse disposte a qualsiasi espediente pur di emergere, si prestano fino al punto di divenire, spesso non del tutto consapevoli, complici del nefasto piano teso a “riconfigurare” la mente umana. Una volta che l’Elite ha ritenuto il soggetto compatibile con le proprie mire, gli “esperti” si mettono al lavoro per creare il personaggio e la strategia per attirare il pubblico. Grazie al miglior supporto che si possa desiderare, queste reclute dello Star System, hanno accesso alle allettanti potenzialità di una vita lussuosa e di una lunga carriera ma anche l’ingrato compito di inculcare nelle menti deboli e ingenue dei giovani gli incalzanti e distruttivi messaggi caldeggiati dai loro protettori, “persone d’affari” che pare non tollerino ripensamenti.

Per questi motivi da anni ascoltiamo e vediamo sempre più frequentemente frasi, immagini e comportamenti che rimandano a controllo mentale, prigionia, degrado religioso, sesso, droga, denaro facile, trasgressione, suicidio, satanismo, violenza e in definitiva a un’esistenza vuota e totalmente materiale. Una ricetta vincente che, dietro una facciata apparentemente innocua, ha il fine di deviare, indebolire e conformare ai piani segreti dell’Elite le generazioni in crescita, le stesse che dovrebbero garantire il futuro della collettività. Perché è bene ricordare che siamo alle battute finali di questo “sistema di cose” e l’Elite si sente minacciata da una popolazione coesa, pensante, libera di scegliere e connessa alla propria coscienza, all’Elite servono delle marionette impaurite, scoraggiate, sottomesse e facilmente corruttibili, ma soprattutto incapaci di cooperare tra loro, in modo da indurle ad accettare senza troppe obiezioni il “nuovo mondo” che ha attentamente pianificato.

mind control

L’OCCULTISMO COME CREDO

Il simbolismo contenuto nelle opere di molti artisti è piuttosto evidente e ha il fine di produrre assuefazione ai concetti che esprime subliminalmente. Due esempi tra i più conosciuti sono Marilyn Manson e Lady Gaga ma i casi sono centinaia e sotto gli occhi disattenti di tutti. Prescindendo dal fatto che possano piacere e che attraggano ormai moltissimi fedeli, i loro video e i loro spettacoli contengono palesi riferimenti al “simbolismo massonico”, ad una “religione deviata” e a una “vita controllata”. Una firma facilmente riconoscibile posta come monito da chi sta ai vertici del potere e decide le regole che tutti devono seguire.

manson-gaga

manson_godform

marilyn_manson__-_2_-_120635

nk_3rdbeast_falseprophet2

manson

marilyn-manson-20050616-47348

marilynmanson2

manson_burattini2

lavey-manson

Marilyn Manson e Anton La Vey (fondatore della Chiesa di Satana)

ladygagassss

leadgaga2

lady-gaga

lady-gaga-performs-blood_l

gaga2

Screen-shot-2009-11-10-at-9.20.32-PM

Screen-shot-2009-11-10-at-9.11.26-PM

remote_image20100813-26896-1232nfk-0

gagaGETTY_450x646

normal_011

CONSAPEVOLEZZA PRIMA DI TUTTO

Non sottovalutiamo mai la potenza dei messaggi che lanciano, e hanno lanciato generazioni addietro, alcuni dei nostri cantanti preferiti, le conseguenze a cui possono portare e come possono in sostanza condizionare i concetti di lecito ed illecito, di morale ed immorale. Non lasciamo che tutti quei caleidoscopici e trasgressivi personaggi dello spettacolo diventino modelli da imitare per i nostri figli, modelli a cui, in un epoca priva di valori, ci si può disperatamente aggrappare per sentirsi in qualche modo adeguati. Osservando le cose con sguardo lucido e da una prospettiva più ampia sarà più facile riconoscere le trappole che ci vengono tese.

Chi detiene il potere sa perfettamente come mantenerlo e pertanto sa anche cosa evitare. Sa quanta attenzione richiede il coronamento del proprio piano e che, senza la reale approvazione dei più, tutto il sofisticato e illusorio marchingegno che lo sostiene smetterebbe di funzionare. Sa bene di esistere in una realtà dove gli opposti coesistono, in una dimensione dove il male può prevaricare il bene solo con l’inganno facendo vacillare temporaneamente gli equilibri. Conosce le leggi e gli effetti causati da questa dicotomia, in termini sociali e individuali, e applica il suo sapere contro il suo nemico, l’Umanità, poiché ne è dipendente ma anche profondamente terrorizzato.