L’energia dell’ 11:11

L’energia dell’ 11:11

I numeri sono magici, anche se spesso gli diamo un’accezione diversa da quella che effettivamente hanno. I numeri hanno potere, anche se crediamo che lo manifestino solo nel caso di una vincita milionaria. Orologi, date, risultati matematici e cifre di ogni sorta, a volte pare che ci perseguitino catturando la nostra attenzione con strane coincidenze.

E come al solito, quando qualcosa lascia trasparire un probabile significato profondo, ecco che puntualmente qualcuno ci specula facendo film… di pessimo gusto! Ma a prescindere dalla superficialità con cui certi temi vengono affrontati al cinema, la potente energia che accompagna la sequenza numerica data dall’ 11:11 da tempo ci incuriosisce. Qual’è il significato esoterico ed iniziatico del numero 11? Ricorda il numero riferito ai primi discepoli di Gesù, tolto il traditore Giuda. L’11 è detto il numero delle rivelazioni, ma simboleggia anche la forza, e chi è sotto il suo influsso ritiene di avere un messaggio da comunicare al prossimo. Dio, l’Uno aggiunto al mondo, rappresentato dal dieci, è il segno dell’inizio della conoscenza assoluta cioè dell’ingresso nella vita superiore dei “Cieli”.

Chi si occupa dello studio della geometria sacra, sa che tutto l’universo è “matematica comunicativa” prodotta da forme geometriche che hanno un’esatta corrispondenza numerica e sonora. Si può quindi asserire che qualsiasi cosa/forma sia esprimibile in numeri o melodie, così come che il DNA umano reagisca alle sollecitazioni di determinati codici numerici o melodici “vibranti”. Uno di questi è proprio l’ 11:11. Molti, in special modo i potenti, sono a conoscenza del potere dei numeri e della loro influenza. In date contenenti il numero 11 sono successi diversi fatti, stati siglati accordi, dichiarate guerre e condotti attentati sanguinosi (ad es. 11 settembre 2001 a New-York, 11 Marzo 2004 a Madrid, ecc).

Questa sequenza/codice, oltre ad essere notata (ad esempio sui display digitali) con incredibile sincronicità è associata, nell’immaginario collettivo, alla fine dei tempi (intesa come termine del mondo materialistico) predetta dal famoso calendario Maya. Questo calendario, celebre soprattutto per l’estrema precisione, ha definito una data e un ora in cui cesserà di esistere il vecchio sistema di pensiero basato sul “contrasto” per lasciare gradualmente il posto a un nuovo paradigma fondato sull’appartenenza ad una coscienza cosmica: il 21/12/2012 alle ore 11:11! Sul tema 2012 e sul calendario Maya, sono state spese milioni di parole, ma nel clima di grande confusione in cui spesso si riversano certi interrogativi, non è facile districarsi tra le varie interpretazioni e i molteplici significati che l’uomo cerca di dare da sempre a storia, leggende e presunte profezie. Per facilitare quest’illuminante opera di “parafrasi”, numerosi maestri ascesi e particolari entità che utilizzano canali umani (fu presumibilmente così anche per la Bibbia), stanno cercando di farci comprendere la nuova realtà che ci attende per indirizzarci verso la via della guarigione spirituale. Tali fenomeni sono sempre più frequenti, funzionalmente alla necessità di comprensione che intimamente richiediamo.

Una di queste entità è Kryon che dal 1989 ci sta educando a quel momento chiamato Ascensione e che da alla sequenza dell’ 11:11 una grande importanza, considerandola una promessa di risveglio, mostrandola come un codice di attivazione che annuncia il passaggio oltre i veli dell’illusione che ci tengono confinati nella paura. Questa trasformazione non risparmierà il piano fisico e determinerà un nuovo grande inizio. Nel vecchio paradigma si doveva fare qualcosa di fisico per manifestare qualcosa di spirituale, nel nuovo tutti i nodi karmici che ci costringevano ad un percorso decisamente forzato, non esisteranno più e Tu, che ti accorgi di questa sottile energia contenuta nell’11:11, sei stato scelto, in quanto potenzialmente pronto, per entrare nella Realtà Superiore che attende la maggior parte di Noi, per far strada agli altri nel “nuovo mondo” e per ascendere dalla dualità verso l’Unità.

Nel 1992, l’11 gennaio alle ore 11:11 (11:11 am e 11:11 pm ora di Greenwich), venne condotto per la prima volta uno speciale esperimento in diverse parti del mondo che vide coinvolte più di 144000 persone divise in gruppi. Esse si “concentrarono” ritualmente sull’apertura del portale dimensionale rappresentato dall’ 11:11, cioè quel passaggio tra due piani evolutivi che permetterà a molti di liberarsi dalla “pesantezza animica” che ancora li caratterizza. Tale accesso è stato concepito per chiudersi il giorno 11/11/2011.

11-11_i_see_it_everywhere

“Benedetto è l’Essere Umano che chiede “Cosa posso fare? Cosa c’è dopo?” Perché con questo atto di compassione per il pianeta, dimostra dentro di sé di sgretolare il muro. E tu, sei uno di questi? Se lo sei, allora domandi i passi dell’ascensione, non è vero? Tuttavia io non li darò, perché non ci sono passi. Oh, forse ce n’è uno, “Inizia”! E così diciamo che l’Essere Umano che inizia il viaggio chiedendo “Come posso sgretolare il muro?” ha già il piccone in mano, sta già lavorando al puzzle, e già la luce s’intravede.” Krion